Viaggio nel Paese del Sol Levante

Ho sempre cercato di gestire newfractals come un sito e non come un blog, ma sospenderò questa mia politica per tutto il prossimo mese: come avrete notato sono la principale autrice degli articoli che compaiono su questo sito, e martedì prossimo partirò per il Giappone, fermandomi lì per un mese.

Ovviamente non avrò tempo e modo di continuare lì la traduzione di For the Win, di Cory Doctorow, (né di capire perché non riesco ad aggiornare la pagina appena linkata in maniera da poter inserire i collegamenti fino alla ultima scena tradotta, la scena 9 della seconda parte del libro). La traduzione è comunque a buon punto e continuerà al mio ritorno.

Parco a KyotoHo pensato quindi di iniziare a pubblicare, per quanto possibile, una sorta di “diario di viaggio“, che sia utile sia a chi sta progettando un viaggio in Giappone che a quelle persone che mi conoscono e che vogliono tenere traccia dei miei spostamenti.

Il viaggio si articolerà in due fasi: parteciperò per circa due settimane ad un progetto di volontariato ad Haki, nella prefettura di Fukuoka (per chi, come me prima di organizzare questo viaggio, non conoscesse abbastanza la geografia giapponese: tranquilli, sono molto lontana dalle zone radioattive. A Fukushima hanno bisogno di un genere di aiuto che certo non può essere dato da volontari senza alcuna specializzazione come me), per poi venire raggiunta da Lorenzo e iniziare lentamente a risalire fino a Tokyo, passando da Hiroshima, Osaka e Kyoto. Al campo di volontariato le mie possibilità di accesso ad internet saranno limitate e dovrò lavorare molto, quindi non prometto aggiornamenti, ma proverò comunque a scrivere qualche articolo da pubblicare quando finalmente mi potrò collegare alla rete.

Il campo di volontariato è gestito da una organizzazione locale chiamata NICE e la lingua usata sarà l’inglese. Circa metà dei volontari è giapponese, quindi sarà un’occasione unica per entrare in contatto con la gente del posto, considerando che i giapponesi che conoscono l’inglese (abbastanza da azzardarsi a provare a parlarlo) sembra siano relativamente pochi. Sarà interessante come riuscirò ad interfacciarmi con chi l’inglese non lo conosce, ma ultimamente sono molto fiduciosa sulla possibilità di abbattere le barriere comunicative con un po’ di buona volontà… Vedremo quanto giapponese riesco ad imparare prima del mio ritorno.

Post pubblicati, in ordine cronologico di viaggio:

Volo verso il Giappone

Dove mangiare all’aeroporto di Narita, Tokyo

NICE Workcamp – Asakura/Haki – primo giorno

16 Mattina: tempio e visita ad una collezione di bambole giapponesi

16 Pomeriggio: pranzo, lavoro e cena

17 Sera: ospiti a cena

18: Volantinaggio allo Hyottoko Matsuri

Onsen

19 Marzo: Giardinaggio

21 Marzo: Kizuna (NUOVO)

2 ore a Fukuoka dopo la chiusura di templi e musei

Kurashiki: Japanese Rural Toy Museum e Museo di Momotaro

Share/Bookmark
  • http://www.newfractals.net/ Lorenzo Valli Buscherini

    Soprattutto vedremo quanto giapponese riuscirai ad imparare prima del mio arrivo ^_- Spero molto, ormai mi sto abituando a guardarti sorridere con espressione interrogativa ed aspettare una traduzione… 😛

    • http://www.newfractals.net Elena Itzcovich

      Ahah!

      Ma ti stai abituando a farlo quando qualcuno parla in LIS, che fino a un certo punto capisco… Con il giapponese mi sa che avrai meno fortuna 😛

      A proposito di LIS, guarda che quando arrivi mi assicurerò personalmente che tu ti prepari adeguatamente per la seconda lezione del corso, al nostro ritorno! :evilgrin:

      • http://www.newfractals.net/ Lorenzo Valli Buscherini

        A me come traduzione va bene anche un “penso stia cercando un pilota per il suo Gundam…” al più mi chiederò dove nasconda il Gundam nel piccolo locale di okonomiyaki ^^

        (Previsione: dal mio arrivo entrambi mangeremo un sacco di okonomiyaki)

  • Giulio

    ottima idea questa del diario di viaggio Elena! così ho tue notizie giorno per giorno

    • http://www.newfractals.net Elena Itzcovich

      E serve anche a me per mettere in maniera ordinata i miei ricordi, foto incluse… E’ difficile tenere un buon diario cartaceo (per me), uno digitale sembra più facile da gestire 🙂

      Buonanotte!