Creative Commons

Creative Commons è un’organizzazione non-profit il cui scopo è promuovere una concezione di copyright basata sul concetto di “alcuni diritti riservati”, anziché “tutti i diritti riservati”. L’organizzazione ha rilasciato diverse licenze, chiamate . Tali licenze permettono all’autore di un’opera di comunicare quali diritti vogliono riservarsi e quali vogliono rinunciare a beneficio del pubblico, o di altri autori.

Riportando quanto detto nel sito italiano di Creative Commons:

Il detentore dei diritti puo’ non autorizzare a priori usi prevalentemente commerciali dell’opera (opzione Non commerciale, acronimo inglese: NC) o la creazione di opere derivate (Non opere derivate, acronimo: ND); e se sono possibili opere derivate, puo’ imporre l’obbligo di rilasciarle con la stessa licenza dell’opera originaria (Condividi allo stesso modo, acronimo: SA, da “Share-Alike”). Le combinazioni di queste scelte generano le sei licenze CC, disponibili anche in versione italiana.

In rete ho trovato questa immagine riassuntiva:

Va notato che le licenze CC sono non sono esclusive: se l’autore vuole accordarsi per offrire altri diritti a tutto il pubblico o anche solo a qualcuno, può farlo fin tanto che non riduca i diritti altrui (ad esempio, pur avendo pubblicato un lavoro con licenza Non Commerciale, l’autore può accordarsi con una casa editrice per farne una stampa commerciale, dando loro i diritti di utilizzare il lavoro in ambito commerciale).

Cosa c’entra Creative Commons con questo sito?
Intanto la licenza applicata al primo libro che sto traducendo, For the Win, di Cory Doctorow è una licenza Creative Commons. Inoltre, queste licenze chiariscono in maniera semplice quali diritti ciascuno ha nei confronti delle opere che sono state pubblicate con esse: ho quindi la certezza di fare qualcosa di legittimo e legale traducendo qualsiasi testo che abbia una licenza che ne permetta la modifica.
Questo mi permette di lavorare serenamente.

Inoltre, la maggior parte del sito viene rilasciata sotto licenze Creative Commons, quindi mi sembra giusto dedicare questo spazio alla spiegazione di tali licenze.

“Queste persone vogliono permettere determinati utilizzi del loro lavoro”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Chi usa le licenze Creative Commons?
Vi voglio indicare una pagina sul sito internazionale di Creative Commons in cui vengono presentati alcuni dei più noti utilizzatori delle loro licenze, http://creativecommons.org/who-uses-cc La pagina è in inglese, ma di facile comprensione (i simboli e i nomi sono piuttosto riconoscibili, anche non conoscendo la lingua).


Nota: non so a chi attribuire queste immagini (eccettuato il logo iniziale, preso direttamente dal sito di Creative Commons). Se ne conoscete l’autore (o se siete l’autore), vi prego di contattarmi.

 

Share/Bookmark